Lo stipendio dei ministri si riduce

ROMA — Clemente Mastella si rassegni. La sua busta paga da ministro della Giustizia è e resterà più leggera di quella del suo collega di Rifondazione Paolo Ferrero. O del responsabile dei Trasporti, il «comunista» Alessandro Bianchi. Ma il bello è che il Guardasigilli guadagna anche meno di ognuno dei suoi cinque sottosegretari. E con Mastella si rassegnino pure Arturo Parisi, Massimo D’Alema, Cesare Damiano e poche altre vittime di quella che passò per essere la prima sforbiciata, se questo è il termine adatto per definire quanto è successo, ai costi della politica. Parliamo del taglio del 30% allo stipendio dei ministri, dei viceministri e dei sottosegretari imposto dalla Finanziaria dello scorso anno. Il doloroso segnale che il governo, apprestandosi a chiedere al Paese uno sforzo per risanare i conti, cominciava proprio dal portafoglio dei suoi componenti.

Peccato che alla prova dei fatti il risultato si sia rivelato molto meno doloroso del previsto. Colpa di una parola, «parlamentari», chissà se sfuggita o proprio voluta, finita nel comma 575 della Finanziaria 2007. La conseguenza è che il taglio dello stipendio, come hanno potuto verificare Silvana Mura dell’Italia dei valori e Antonio Buonfiglio di An, i due deputati che hanno materialmente messo a punto la proposta di legge targata Antonio Di Pietro- Gianni Alemanno sulla riduzione dei costi della politica, si applica soltanto a ministri, viceministri e sottosegretari che occupano contemporaneamente anche uno scranno alla Camera o al Senato. Tutti gli altri sono esclusi. L’ufficio studi della Camera lo ha messo nero su bianco, insieme alle cifre. Dal primo gennaio 2007 lo stipendio del ministro parlamentare è di 44.221 euro lordi l’anno, a fronte dei 63.173 euro del suo collega non parlamentare e dei 56.954 euro che spettano al sottosegretario senza carica elettiva. Se il taglio avesse colpito tutto l’esecutivo, il risparmio sarebbe stato di un milione 700 mila euro. L’economia sarà invece di mezzo milione l’anno.

Perché la matematica non è un’opinione. Sapete quanti stipendi governativi hanno subìto la riduzione del 30%? Appena trentadue: trentadue su 100. E sarebbero stati soltanto 30 se fossero state accettate le dimissioni dal Senato del ministro Livia Turco e del sottosegretario Franco Danieli, a tutt’oggi ancora senza risposta. Dal taglio sono stati esclusi per ora in 68: tanti sono ministri, viceministri e sottosegretari non parlamentari. Ma perché sono stati salvati? Forse perché guadagnano meno dei loro colleghi di Camera e Senato che sommano allo stipendio di governo anche gli emolumenti della carica elettiva? Non che l’indennità parlamentare non spetti a tutti i componenti dell’esecutivo: una legge varata dal governo D’Alema nel 1999, per mettere fine a quella che doveva essere considerata un’«odiosa» discriminazione, concesse infatti anche agli esponenti cosiddetti tecnici dell’esecutivo un’indennità identica a quella parlamentare: circa 140 mila euro lordi l’anno. Ovviamente cumulabile, spiega la nota dell’ufficio studi della Camera, con «l’indennità non decurtata di membro del governo».

Dove sta allora la differenza? Il ministro non parlamentare non ha diritto fra l’altro alla diaria e al contributo per il portaborse, che sommati fanno la rispettabile cifra di 98.677 euro l’anno, per la Camera, mentre per il Senato si arriva a 104.521 euro. Anche se molti «tecnici» del governo di Romano Prodi sono ex parlamentari. E questo non è proprio un dettaglio. Qualcuno di loro non ha forse maturato il diritto a riscuotere il vitalizio?

Sergio Rizzo

fonte: Corriere della Sera

4 thoughts on “Lo stipendio dei ministri si riduce”

  1. x andro
    qual’è il tuo pensiero sulla motivazione per cui uno vuole entrare in politica?sia di ” D ” che di ” S “. Per fare gli interessi del popolo? HAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAH.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...