Berlusconi, summit a cena con gli imprenditori

Il capo del governo e l’ economia Presenti Bernabè, Polegato e Guido Barilla.

«L’ altalena dei mercati non ci preoccupa, aziende solide» Serata «conviviale» con gli industriali insieme a una buona parte dell’ esecutivo. Ma i banchieri non ci sono No alla rottamazione Il premier ha fatto capire che la rottamazione di elettrodomestici.

ROMA – Il nuovo crollo di Wall Street. Le Borse europee reduci da un’ altra drammatica giornata. Quella di San Paolo addirittura chiusa per evitare il crac. E poi il terremoto della scuola. Per una serata «conviviale» con gli imprenditori, come la definiscono i più stretti collaboratori di Silvio Berlusconi, non era forse il giorno più adatto. Tuttavia anche ieri, il presidente del Consiglio ha continuato a ripetere ai suoi ospiti: «La crisi non ci preoccupa». Non preoccupa «l’ altalena dei mercati», perché «arriveranno i veri dividendi che saranno reali e ripagheranno gli azionisti», confida Berlusconi. «Non preoccupa» perché «l’ Italia è protagonista nella soluzione della crisi», dice il premier. Aggiungendo che «stiamo cercando di governare la situazione internazionale e con Bush abbiamo deciso di tenere il G20 il 15 novembre». Anche se Dio solo sa che cosa potrà accadere da qui alla metà del prossimo mese, il premier ha sfoggiato quindi lo stesso ottimismo che professa da quando è cominciata la tempesta sui mercati internazionali. Non senza lanciare messaggi. Per esempio quando ha detto che il governo «non vuole ricorrere a interventi diretti» nel sostegno alle imprese in difficoltà. Un passaggio che è stato interpretato chiaramente come riferimento alla rottamazione degli elettrodomestici e delle automobili, a cui è contrarissimo il ministro dell’ Economia Giulio Tremonti, e che a quanto pare non è più nell’ agenda dell’ esecutivo (se mai ci fosse entrata). Ma l’ intervento dello Stato nell’ economia non poteva non essere il convitato di pietra alla cena organizzata a Villa Madama con gli imprenditori: «Noi, a differenza di Prodi – ha detto il premier – siamo riusciti a riportare lo Stato dappertutto, in ogni settore della società ed è questa la differenza fondamentale tra noi e loro». Una cena senza molte sorprese (se si eccettua il concerto della Scuola di polizia), a cominciare dal solito menu d’ occasione, davvero senza troppa fantasia: pennette tricolori, caprese, chianina con legumi e patate, gelato tricolore. Non poteva esserlo anche perché, a fare gli onori di casa, oltre a Berlusconi, c’ era anche Tremonti che più di ogni altro ha sostenuto questa necessità per frenare gli «eccessi del mercatismo». Con il ministro del Welfare Maurizio Sacconi, il suo collega dello Sviluppo Economico Claudio Scajola, il responsabile degli Esteri Frattini e le titolari dell’ Ambiente, Stefania Prestigiacomo, e delle Pari opportunità, Mara Carfagna. E poi i sottosegretari alla Presidenza Gianni Letta e Paolo Bonaiuti. Ma anche Luca Zaia, Raffaele Fitto e perfino il fedelissimo Guardasigilli Angelino Alfano. Insomma, schieramento tale che sarebbe forse più facile citare chi non c’ era. Come del resto fra gli ospiti. Assenti anche questa volta (per un puro caso?) i banchieri, fra i circa cinquanta invitati c’ era invece l’ amministratore delegato delle Assicurazioni Generali, Giovanni Perissinotto. Insieme a chi, come lui, non era presente alla precedente cena organizzata da Berlusconi nello scorso mese di luglio. C’ erano l’ amministratore delegato di Telecom Italia Franco Bernabè, il patron della Geox Mario Moretti Polegato, l’ industriale farmaceutico Sergio Dompè, Guido Barilla, Umberto Quadrino della Edison. Quelli che lo stesso Berlusconi ha definito «dell’ economia reale». E anche qualche «fortunato» che era stato già invitato la volta prima: come Massimo Sarmi. Tanto più baciato dalla fortuna perché l’ amministratore delegato delle Poste, ormai al suo terzo mandato, si era perfino guadagnato uno dei posti alla tavola del premier, seduto accanto a Moretti Polegato. Nessuno, invece, della cordata di quel Roberto Colaninno che sta incontrando forse più difficoltà del previsto nell’ operazione sopravvivenza dell’ Alitalia. E nessuno della Fiat, ma soltanto perché l’ intero vertice del gruppo torinese era a Chicago per una riunione del consiglio di amministrazione, pianificata da tempo. Mentre stavolta era presente, eccome, l’ amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti: la cui assenza era stata notata, eccome, alla cena di luglio, nel folto plotone di amministratori delle società pubbliche.

Sergio Rizzo

Fonte: Corriere della Sera

1 thought on “Berlusconi, summit a cena con gli imprenditori”

  1. Saluti a tutti. Come diceva, effettivamente, pure Roberto Saviano, in questi giorni, se uno non accetta i diktat antidemocratici, mafiosissimi e neo nazifascisti degli eversivissimi Berlusconi e Lega, viene distrutto. Spesso, viene anche ucciso ( e si fa passare il tutto, “all’italiana”, non per un omicidio… ma di omicio trattasi… Berlusconi e la Lega, han ammazzato centinaia e centinaia di persone, negli ultimi 15 anni, ve lo assicuro: centinaia e centinaia di persone.. alucni nomi? Giorgio Panto, Paolo Alberti, Corso Bovio, Adamo Bove, Michele Landi, Francesco Mastrogiovanni e tantissimi altri). Nella migliore delle ipotesi, gli si leva il lavoro, e quindi, la possibilita’ di sopravvivere. Oltre che gli si leva la vita sociale, civile, familiare. Metodi da Massoneria neonazista,ossia P2, P3, P va aff.n… a sorrt. Tutte Massonerie assassine, vicinissime al criminale, omicida e pedofilo, Silvio Berlusconi ( ma anche Roberto Maroni e’ un assassino, che fa uccidere… un giorno lo scoprirete). Ultimamente, per farla pagare a chi non si piega, alla dittaura mafiosa e fascista, direi, quindi, maf..ascista, di Silvio Berlusconi, lo si rovina, facendo circolare mega balle totali su di lui ( non tanto buffo, Metodo Boffo). Vi e’ un italiano che e’ un assoluto eroe, Michele Nista di michelenista.blogspot.com. Vive qui a Londra, in quanto Berlusconi, credeteci o meno, ha cercato di farlo uccidere 4 volte in Italia. E’ un eroe e anche un genio, in quanto a intuito borsistico, Son 20 anni, nella vita, e 3 anni, nel web, che azzecca ogni mossa dei mercati azionari, valutari e delle materie prime, facendo fare, sempre, milioni e milioni di euro a tutti, con una facilita’ e capacita, assolutamente soprannatuali.. Il suo blog, michelenista.blogspot.com e i servizi di consulenza, che attraverso lo stesso, da’ ( i cui proventi vanno tutti in zone poverissime di Africa e America Latina), lo dimostrano in pieno. Michle Nista ha fatto kind of miracoli, in quanto a centinaia di azzeccate vincentissime, nei mercati finanziari, da fine gennaio 2010, a ora. Anzi, dal 1987 a ora, nella vita, e dal 2007 a ora, nel web. Michele Nista ha previsto l’imprevedibile, ha anticipato ogni movimento di indici azionari, valute e commodities, e il tutto, a vantaggio di una Non Proft che ha fatto tantissimo del bene, negli ultimi anni, che si chiama Hethepo. Hethepo, a mero fin di bene, ha aiutato poverissimi di gran parte dell’America Latina, e, attraverso il genio dei mercati finanziari e dell’anti Berklusconismo, Michele Nista, fatto guadagnare tantissimi soldi, a centinaia e centinaia di suoi sottoscrittori. Bene, siccome il genio e eroe civile, Michele Nista, giustissimamente, ha fatto ogni possible cosa, per defenestrare gli assassini fascio-camorristi Berlusconi e Lega, per fargliela pagare, ora, stan usando anche con lui, il metodo Boffo. Io, ho guadagnato un mare di soldi grazie a Michele Nista, vero e proprio genio di finanza e battaglie civili, e non mi stanchero’ mai di urlarlo. Come lo sto facendo oggi, e come lo faro’ ogni giorno da ora in poi. E in cambio, il genio e per benissimo Michele Nista, attraverso la eticissima Non Proft Company Hethepo, ha solo chiesto un aiuto ai piu[ poveri di mezzo mondo. Aggiungo, per concludere qui a seguito,, una attestazione di un, addirittura, Berlusconiano, a pro di Michele Nista, di qualche giorno fa ( io son nato in Inghilterra, e il mio italiano, e’ un po’, so-so, da qui, il mio voler aggiungere, questa attestazione).
    CARO MICHELE, E’ DA ANNI CHE SEGUO I MERCATI FINANZIARI CHE PARAGONO AD UNA GIUNGLA, PROPRIO PER QUESTO MOTIVO HO SEMPRE CERCATO PERSONE/SOCIETA’ CHE, DIETRO COMPENSO MI PRENDESSERO PER MANO E MI AIUTASSERO AD ATTRAVERSARLA. TI RISPARMIO I NOMI DI QUESTI FANTOMATICI PROFESSIONISTI O PSEUDO GURU CHE MILLANTANO CONOSCENZE IN MATERIA CHE PROBABILMENTE UNO SCIMPANZE’ HA MAGGIORMENTENE E A COSTO ZERO..POI UN GIORNO , PER CASO, SFRUGUGLIANDO QUA E LA’ MI SONO IMBATTUTO IN UN SIGNORE DI NOME MICHELE NISTA CHE NON HO ANCORA IL PIACERE DI CONOSCERE PERSONALMENTE. EBBENE, MICHELE NISTA E’ UN VERO PROFESSIONISTA, CON LA P MAIUSCOLA. DELLA “PIRELLI”. UNA PERSONA CHE NON MILLANTA ASSOLUTAMENTE NULLA E CHE FORNISCE CONSULENZA ABBINATA AD UNO SCOPO UMANITARIO, IL CHE TI RENDE, SCUSA PASSO AL TU, UN “SUPER”. SEI UNA PERSONA CHE FA DELLE PREVISIONI METTENDOCI LA FACCIA IN UN SETTORE DOVE DI RISCHIA DI ESSERE SPUTTANATI, PASSAMI IL TERMINE, DOPO UN SECONDO..NELLO SCORSO MESE DI GIUGNO, MENTRE I MERCATI ANDAVANO A C..O TU HAI PARLATO DI TIRONE IN SU, A PARTIRE DA SETTEMBRE. MANCAVA SOLO CHE DICESSI IL GIORNO E L’ORA E TI AVREBBERO FATTO SANTO. ANCHE QUESTA VOLTA HAI “CENTRATO”. SCUSA SE MI SONO DILUNGATO MA AVEVO VOGLIA DI DIRTI COME LA PENSO.. TANTI PSEUDO ESPERTI DOVREBBERO IMPARARE DA TE. FAI PREVISIONI E NON HAI PAURA DI SBAGLIARE. GRAZIE MICHELE E TANTI AUGURI PER TUTTO, SALUTE CARDIOCIRCOLATORIA, IN PRIMIS

    Luca
    Associazione anti Mafascismo Berlusconiano, di Londra, UK. Mark D’Ambrosio
    markdambronotopedofileBerlusconi@yahoo.co.uk

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...