E i controllori del governo finirono sotto controllo

Per il ddl dell’esecutivo, solo 4 eletti nel «Csm» dei giudici contabili: persa la maggioranza

«Mi ricorderò di te alle prossime elezioni! » sibila il solito prepotente al bravo sceriffo in ogni film di cowboy. Così era il Far West. Anche nella legge italiana, però, sta per essere infilato un tarlo simile. Che rischia di divorare l’autonomia della Corte dei conti fino al punto che il governo (il controllato) si sceglierà di fatto il controllore, cioè chi deve esaminare come sono spesi i soldi pubblici. Il tarlo, come tutti gli insetti che si rispettino, non è facile da scovare. Proprio come il dirottamento ad «amici» di un mucchio di soldi per lavori stradali marchigiani venne infilato anni fa in un decreto sulle «arance invendute in Sicilia», anche questo tarlo è stato nascosto dove poteva passare inosservato.

Nel disegno di legge 847 noto come «Brunetta»: «Delega al governo finalizzata all’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico». L’ideale, nella scia della popolarità del ministro in guerra coi fannulloni, per collocare un boccone che, come tutti i bocconi avvelenati, è inodore e insapore. È l’articolo 9, dedicato al Consiglio di Presidenza della Corte dei conti. Il Csm, diciamo così, dei giudici contabili. Che costituzionalmente consente anche a questa magistratura, come a quella ordinaria e a quella amministrativa, di decidere da sé della propria vita, al riparo da interferenze politiche. Un principio ovvio e sacrosanto: chi comanda non può volta per volta scegliersi il controllore. Dice dunque quell’articolo, inserito da Carlo Vizzini (che come presidente della commissione Affari costituzionali del Senato ha di fatto agito per il governo), che quel Consiglio di Presidenza, composto oggi da 13 magistrati contabili (i vertici della Corte dei conti più dieci eletti dai circa 450 colleghi) più due esperti nominati dalla Camera e due dal Senato (totale: 17) non va più bene.

D’ora in avanti dovranno essere 11, con un taglio dei giudici eletti da 10 a 4 e le «new entry» del segretario generale della Corte e del capo di gabinetto, che in certi casi possono pure votare. Somma finale: i rappresentanti scelti dei colleghi precipiterebbero da 10 su 17 (larga maggioranza) a 4 su 13 (netta minoranza). Ma non basta. La perdita di potere del «Consiglio», sempre più esposto agli spifferi politici, sarebbe aggravata da una grandinata di poteri in più concessi al presidente. Come quello di stabilire l’«indirizzo politico-istituzionale ». Vale a dire: puntiamo di più su questi o quegli altri reati, concentriamoci di più su questi o quegli altri sprechi. Quindi meno su questo e quello. Peggio: il presidente «provvede» o «revoca» come gli pare «gli incarichi extraistituzionali, con o senza collocamento in posizione di fuori ruolo o aspettativa». Traduzione: diventa il padrone assoluto della distribuzione ai suoi sottoposti («tu sì, tu no») dei soldi extra e delle carriere parallele.

Cosa vuol dire? Moltissimo: il capo di gabinetto di un ministro cumula insieme lo stipendio nuovo (senza più il tetto di 289 mila euro inserito da Prodi e abolito da Berlusconi) con quello vecchio di magistrato «parcheggiato» altrove. E un solo «arbitrato» (quella specie di giustizia parallela, più veloce, su alcuni contratti pubblici) può regalare a un giudice guadagni di centinaia di migliaia di euro. Il che significa che il nuovo presidente, dicendo solo «tu sì, tu no», può cambiare letteralmente la vita dei suoi «dipendenti». Diventando il Dominus assoluto. Senza più il minimo controllo, scusate il bisticcio, dell’organo di autocontrollo, ormai esonerato. Poteri pieni. Totali. Un progetto pericoloso, attacca l’opposizione. Il controllo, denuncia Felice Casson, «verrebbe a essere asservito e subordinato ai governi centrali e locali ».

Il coordinamento dei magistrati ordinari, amministrativi e contabili, in una lettera mandata ieri a Napolitano, denuncia «un gravissimo vulnus ai quei fondamentali principi costituzionali che sono stati alla base della istituzione stessa degli organi di autogoverno». E l’Associazione nazionale dei magistrati contabili è arrivata a ipotizzare all’unanimità l’espulsione dello stesso presidente, Tullio Lazzaro. C’è chi dirà: allarmi esagerati. E giurerà che si tratta di «ritocchi» organizzativi che renderanno «efficiente» un organo che costa cinque volte più dello spagnolo Tribunal de cuentas. Che non limiteranno affatto le denunce sulla malagestione dei pubblici denari come gli sprechi della sanità in Sicilia, le troppe consulenze «conferite intuitu personae » (cioè a capriccio), i soldi buttati dalle regioni, dalle municipalizzate, dai comuni o perfino dalla Croce Rossa

Sarà. Ma nel progetto c’è scritto proprio così: il presidente della Corte dei conti diventa «organo di governo dell’istituto» e il Consiglio di presidenza viene degradato a «organo di amministrazione del personale». Nero su bianco. E lo sapete quando è stato inserito, il «ritocco» che stravolgerebbe senza passaggi costituzionali l’autogoverno dei giudici contabili? Poco dopo che il procuratore generale aveva denunciato il surreale tentativo di introdurre nell’accordo sulla nuova Alitalia un codicillo che prevedeva «l’esonero preventivo e generalizzato» per i nuovi soci «da responsabilità astrattamente esteso fino a coprire eventuali comportamenti dolosi, con effetti retroattivi». Cioè l’assoluzione concordata prima ancora che fosse commesso l’eventuale peccato. Pensa un po’ che coincidenza…

Gian Antonio Stella

Fonte: Corriere della Sera
Annunci

Giustizia, tempi da Terzo Mondo

Apertura dell’anno giudiziario. «Nel civile siamo solo al 156˚ posto dopo il Gabon e la Guinea»

ROMA — Inaugurazione dell’Anno giudiziario: magistratura divisa sulle intercettazioni. Tutti d’accordo sulla lentezza dei processi: l’Italia è al 156˚posto dopo Guinea e Gabon. Altri 16 giorni di ritardi nella durata media dei nostri processi e supereremo a ritroso anche lo staterello incastonato tra l’Eritrea e la Somalia. Questione di tempo: nella nostra retromarcia andiamo già peggio dell’Angola, del Gabon, della Guinea Bissau… Certo, Berlusconi spara sui «disfattisti » che demoralizzano le plebi incitando tutti ad essere ottimisti. L’ultimo rapporto «Doing Business 2009», però, non lascia scampo.

LA CLASSIFICA – La classifica, compilata «confrontando l’efficienza del sistema giudiziario nel consentire a una parte lesa di recuperare un pagamento scaduto », dice che gli Usa stanno al 6˚ posto, la Germania al 9˚, la Francia al 10˚, il Giappone al 21˚ e i Paesi dell’Ocse, fatta la media dei bravissimi e dei mediocri sono al 33˚ posto. La Spagna, che tra i Paesi europei sta messa male, è 54˚. Noi addirittura 156˚. Su 181 Paesi. Un disastro. Tanto più che quell’elenco non rappresenta solo un’umiliazione morale. La Banca Mondiale la redige infatti per fornire parametri di valutazione agli operatori internazionali che vogliono investire in questo o quel Paese.

CONSEGUENZE ECONOMICHE – Il messaggio è netto: dall’Italia, in certe cose, è bene stare alla larga. Perché uno straniero dovrebbe venire a mettere soldi in un’impresa italiana davanti a certe storie esemplari? Prendete quella di una vecchia signora vicentina che aveva fatto causa alla banca perché l’aveva incitata a investire tutti i suoi risparmi in una finanziaria a rischio e nei famigerati bond argentini. Sapete per che giorno le hanno fissato la prossima udienza? Per il 17 febbraio 2014. Un piccolo imprenditore veronese si è visto dare l’appuntamento per il 2016. Per non dire del caso del signor Otello Semeraro, che mesi fa non s’è presentato al tribunale di Taranto dov’era convocato per assistere all’ennesima puntata del fallimento della sua azienda. Indimenticabile il verbale: «Il giudice dà atto che all’udienza né il fallito né alcun creditore è comparso». C’era da capirlo: come dimostravano le carte processuali della moglie, citata come «vedova Semeraro», l’uomo era defunto. Nonostante la buona volontà, non era infatti riuscito a sopravvivere a un iter giudiziario cominciato nel 1962, quando la Francia riconosceva l’indipendenza dell’Algeria, Kennedy era alle prese coi missili a Cuba e nella Juve giocavano Charles, Sivori e Nicolè. Quarantasei anni dopo, le somme recuperate dal fallimento sono risultate pari a 188.314 euro. Ma nel ’62 quei soldi pesavano quasi quanto quattro milioni attuali. Forse, se la giustizia fosse stata più rapida, qualche creditore non sarebbe fallito, qualche dipendente non avrebbe passato dei periodi grami…

UNA «CATASTROFE» – Perché questo è il punto: la catastrofe ammessa ieri dal presidente della Cassazione Vincenzo Carbone, a conferma della denuncia di giovedì del presidente della Corte Europea per i diritti umani, Jean-Paul Costa, durissimo nel ricordare che l’Italia è la maglia nera della giustizia europea («4.200 cause pendenti contro le 2.500 della Germania e le 1.289 della Gran Bretagna, quasi tutte per la lunghezza dei processi»), non tocca solo la dignità delle persone. Incide pesantemente sull’economia. Basti citare il libro «Fine pena mai» di Luigi Ferrarella: «Confartigianato, elaborando dati 2005 di Istat e Infocamere, ha proposto una stima di quanto la lentezza delle procedure fallimentari, in media 8 anni e 8 mesi, possa costare ogni anno alle imprese artigiane: un miliardo e 160 milioni di euro per il costo del ritardo nella riscossione dei propri crediti, e un miliardo e 170 milioni di euro di maggiori oneri finanziari per le imprese costrette a prendere in prestito le risorse». Totale: oltre 2 miliardi e 300 milioni di euro. Cioè 384mila di «buco giudiziario» per ogni impresa. Un sacco di soldi. Che in anni di vacche grasse possono azzoppare una piccola azienda. Ma in anni di vacche magre o magrissime, come questo, l’ammazzano.

SPIRALE PERVERSA – Di più: il sistema si è avvitato in una spirale così perversa che la «legge Pinto » per il giusto processo ha partorito altri 40 mila processi intentati dai cittadini esasperati dalla lentezza dei processi precedenti e cominciano già ad ammucchiarsi i processi che chiedono un risarcimento per la lentezza dei processi avviati per avere un risarcimento dei danni subiti da processi troppo lenti. Un incubo. Due anni fa la battuta dell’allora presidente della Cassazione Gaetano Nicastro («Se lo Stato dovesse risarcire tutti i danneggiati dalla irragionevole durata dei processi, non basterebbero tre leggi Finanziarie») pareva uno sfogo esagerato. Ieri è arrivata la conferma: avanti così e ci arriveremo. Dall’introduzione della legge Pinto fino al 2006 lo Stato aveva dovuto tirar fuori 41,5 milioni di risarcimenti ma «in due anni sono 81,3 i milioni già sborsati, più almeno altri 36,6 milioni dovuti ma non ancora pagati, per un totale di circa 118 milioni».

PATROCINIO GRATUITO AI MAFIOSI – Una emorragia devastante. Al quale si aggiunge un’altra ferita che butta sangue: il gratuito patrocinio concesso a decine di migliaia di persone. Ottantaquattromila sono stati, nel solo 2008, gli imputati che hanno ottenuto l’avvocato difensore pagato dallo Stato. Per un totale di 85 milioni di euro. Spesso buttati in un eccesso di garantismo peloso. Con l’assegnazione automatica di un difensore d’ufficio non solo a tutti gli stranieri «irreperibili» (che magari danno un nome falso e verranno processati inutilmente fino in Cassazione) ma addirittura a mafiosi che dichiarano un reddito inesistente (come Leoluca Bagarella e Antonino Marchese che, imputati dell’omicidio di un vicebrigadiere, chiesero la ricusazione della Corte d’Appello perché aveva loro revocato l’avvocato gratis) e perfino a latitanti. Ma in questo quadro, più nero di un quadro nero del Goya, sono davvero centrali la battaglia sulle intercettazioni o la separazione delle carriere? Giustiniano, di cui il Cavaliere disse di avere in camera un ritratto, forse si muoverebbe in modo diverso.

Gian Antonio Stella
fonte: Corriere della Sera

Romeo, il «re» degli enti pubblici trasformò gli amici in soci

L’imprenditore è molto legato ad Antonio Napoli, ex assessore di Bassolino ed ex consigliere di D’Alema.

ROMA — Raccontò ai giudici con le lacrime agli occhi: «Erano come le cavallette! Come le cavallette! ». Anzi. «Iene, ecco che cos’erano! Gli ho moltiplicato per sei gli incassi degli affitti degli immobili del Comune. Per tutta risposta mi sono saltati addosso come iene inferocite, minacciandomi di cancellare la concessione se non avessi pagato». E lui, Alfredo Romeo, che poteva fare? Partito da una famiglia modesta, aveva cominciato, faticosamente, con una piccola agenzia immobiliare. Adesso, a quarant’anni, era sulla rampa di lancio. Perciò, a Napoli, pagava. Pagava la Dc e pagava il Psi. Tirò fuori qualcosa come sette miliardi. Si beccò una condanna a quattro anni in primo grado, a due e mezzo in appello e la prescrizione in Cassazione. Ma fu come nascere una seconda volta, imprenditorialmente parlando.

Quindici anni dopo essere scivolato nel tritacarne di Tangentopoli, Romeo si è ritrovato fra le mani un impero. Ha cinquecento dipendenti, un patrimonio immobiliare di 48 miliardi di euro da gestire, 160 milioni di incassi l’anno e un cash flow che cresce come un soufflé. Adesso, addirittura un albergo di lusso in quello che fu il quartier generale di Achille Lauro, un tempo il padrone di Napoli. Insomma, Romeo ha fatto i soldi con la pala. Praticamente tutti con gli enti pubblici. L’Inps, l’Inpdai, l’Agenzia del Demanio, il ministero dell’Economia, la Consip, gli Iacp sparsi per tutta Italia.

Poi i Comuni: Napoli, Pozzuoli, Firenze, Milano, Venezia. E Roma. Quando Romeo nel 1997 vinse la gara voluta dal sindaco di Roma Francesco Rutelli per gestire le migliaia di immobili di proprietà del Campidoglio, i suoi affari erano a una svolta. Aveva appena subìto la condanna per i fatti di Napoli e, come raccontò il settimanale il Mondo, si era visto «interdire per un anno i rapporti con la pubblica amministrazione». Ma gli bastò sommergersi appena, lasciando tutte le cariche sociali. E si aggiudicò l’appalto. Assessore al patrimonio era allora un inflessibile magistrato della Corte dei conti, Angelo Canale. Che difese la decisione a spada tratta, contro tutte le critiche scagliategli contro dalla destra. «Non è un caso che a sollevare le polemiche sia stato il Giornale di Paolo Berlusconi, proprietario della Edilnord. Che nella gara da noi bandita è stata sconfitta dalla società di Romeo», scandì. L’aver battuto a Roma il fratello del Cavaliere gli consentì di vincere anche qualche diffidenza nel centrosinistra? Probabilmente non risultò decisivo, se è vero che Romeo aveva già conservato l’incarico di gestire gli immobili napoletani anche con l’arrivo di Antonio Bassolino. A Napoli il sindaco socialista Nello Polese si era dimesso per essere finito nella stessa bufera che avrebbe travolto Romeo.

Una bufera che il Pds locale aveva cavalcato politicamente, chiedendo lo scioglimento del consiglio comunale. Per bocca di chi? Ma del segretario regionale Antonio Napoli, futuro assessore della giunta guidata da Antonio Bassolino, quindi nello staff di Massimo D’Alema alla presidenza del Consiglio, poi con Claudio Velardi fondatore della società di comunicazione Reti. E amico, Napoli, anche di Alfredo Romeo. Di più: socio in affari. Fra le varie imprese controllate da Romeo e da sua moglie Maria Vittoria Parisio Perrotti ce n’è una che si chiama Isvafim spa, a sua volta titolare dell’8,3% di una società (A Casa Aziende Agricole spa) della quale è azionista al 16,7% l’azienda agricola Allevamento del Girasole. La quale fa capo, appunto, ad Antonio Napoli.

Ma chi pensa che Romeo abbia limitato a questa amicizia il suo raggio d’azione, per così dire, politico, si sbaglia di grosso. Perché fino allo scorso anno era pure azionista del quotidiano l’Indipendente, a testimonianza della sua altra importante amicizia partenopea, quella con il capogruppo del Pdl alla Camera Italo Bocchino. Mentre sua moglie Maria Vittoria Parisio Perrotti conserva ancora un pacchetto di azioni della Edizioni Dlm Europa: la società che edita Europa, il giornale della Margherita (partito, fra gli altri, anche di Renzo Lusetti). Un pacchetto piccolo, di 195 euro appena. Ma ben più che simbolico, considerando che gli altri azionisti si chiamano Tiziano Treu, Elio Matacena, Andrea Marcucci, Luigi Lusi… Evidentemente non si diventa Romeo senza avere buone relazioni con tutti. E l’elenco dei suoi soci in affari è molto istruttivo.

Per esempio, nella stessa società che Romeo ha con il suo amico ex assessore di Bassolino, c’è pure l’ex presidente della Confindustria della Campania Tommaso Iavarone, che un giorno ebbe pubblicamente questa preveggenza: «Il tono della vita politica in Campania non lascia molte speranze in materia di buon governo». Ohibò. Per esempio, nel portafoglio della Isvafim ci sono 50 mila azioni di Nomisma, il centro studi fondato da Romano Prodi. Per non parlare della milanese Hat Holding all together. Tutti insieme con Romeo: da Francesco Bellavista Caltagirone all’industriale di Lumezzane Rino Gambari, azionista della Serenissima, all’editore Sergio Giunti, all’imprenditore napoletano Pasquale Graziano, alla famiglia dei Fiore, titolari della Firema, quella del consorzio Trevi che produce i treni dell’Alta velocità. Fino a Giorgio Viganò, immobi-liarista milanese che fa parte del comitato scientifico di una rivista: Ideazione, legata a Forza Italia.

Sergio Rizzo

Fonte: Corriere della Sera

Impiegati comunali? Uno ogni 13 abitanti

Redditi stipendi parlamentari

Redditi stipendi governatori

I casi Dal Veneto alla Sicilia assunzioni e aumenti ingiustificati.

A Comitini ci sono 978 residenti e 71 dipendenti pubblici.

(…) E se è così a Roma, non diversamente va nel resto della Penisola. Dal Nord al Sud. Tutto come prima nel Veneto, dove un asse trasversale che andava dalla Lega Nord al Partito democratico, con l’isolata opposizione del governatore forzista Giancarlo Galan («È una leggina vergognosa») ha imposto contro il parere dell’Ufficio legislativo della giunta una sanatoria trasversale che fissa «un’apposita procedura selettiva riservata» per assumere i portaborse.

Tutto come prima in Toscana, dove Monica Faenzi, la sindachessa di Castiglione della Pescaia che al debutto in Parlamento si era presentata con un vestito bianco a chiazze nere da far schiattare d’invidia la Crudelia De Mon della Carica dei 101, ha risposto picche a chi contestava i suoi due stipendi da parlamentare del Pdl e da primo cittadino: «Ritengo di non essere una fannullona di Stato e di meritarmi l’indennità perché io svolgo appunto i due ruoli sacrificando anche gran parte della mia vita».
Tutto come prima in Sicilia, nonostante nel 2008 a San Calogero sia venuto a mancare il pane. (…) C’erano fedeli che, per rispettare un voto, potevano comprare anche cinquanta, settanta, cento chili di pane. Tutto finito. Il pane costa troppo. E così perfino i fedeli più fedeli del monaco nero hanno dovuto ridurre al massimo (se non proprio abolire) la loro scorta di «muffuletti». E prima hanno lanciato coriandoli e bigliettini alla processione di Agrigento, poi coriandoli e bigliettini a quella di Porto Empedocle. Bene: in una Sicilia così ridotta, dove il Comune di Catania a forza di invitare ballerine carioche (pagate poi coi soldi dell’8 per mille) e fare piste da sci artificiali sulla discesa dei Cappuccini, è sprofondato in un abisso di un miliardo di debiti e dove secondo la Corte dei Conti la sanità è in agonia nonostante costi il 30 per cento in più che in Finlandia, gli stipendi degli assessori regionali hanno continuato a crescere, crescere, crescere… Al punto che, tra il 2005 e il 2007, scrivono i magistrati contabili, sono aumentati del 114,77 per cento.

Insomma, dirà qualcuno, tutte le promesse lanciate per placare il grande fuoco purificatore divampato tra i cittadini che fine hanno fatto? Chissenefrega, ormai le elezioni sono passate… E i disastri nei conti pubblici dovuti a dissennate politiche clientelari? Boh… Qualche santo provvederà. Anche chi amministrava il Comune di Comitini, un paese di 978 residenti a una dozzina di chilometri da Agrigento, si è ripetuto per anni «ci penserò domani ». E intanto, uno oggi e uno domani, ha continuato a incamerare lavoratori socialmente utili. Un po’ in proprio e un po’, diciamo così, riciclando quelli messi a disposizione dalla Regione. La quale, per alleviare il peso delle buste paga sui bilanci comunali, che comunque rischiano il dissesto, si fa carico del 90 per cento degli stipendi. Risultato: nell’autunno del 2008 il municipio, di antiche tradizioni democristiane trasmutate nel centrodestra, si è ritrovato con 14 dipendenti fissi più 17 parcheggiati a carico dell’Inps più 40 lavoratori socialmente utili. Totale: 71. Un impiegato comunale ogni 13,7 abitanti. Come se in Italia ne avessimo 4.379.000.

Vi chiederete: ma cosa fanno? Vi risponderanno che c’è chi fa questo e chi fa quello, chi sta giù e chi sta su. Ma la risposta vera è un’altra. Cosa fanno? Votano.

Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella
Fonte: Corriere della Sera